Lo tsunami social sul ponte Morandi

FacebookGoogle+TwitterLinkedinNonostante le numerose dissertazioni sull’era digitale, sul ruolo giocato dai social network nella comunicazione da parte di aziende, manager, personaggi pubblici e politici, mi viene spesso il dubbio che non sia ancora affatto chiaro a molti di cosa stiano parlando. Non è altrimenti spiegabile quello che è successo nelle primissime ore e nei giorni successivi[…]

Fake news: in Italia la prima condanna

FacebookGoogle+TwitterLinkedinLa sentenza di colpevolezza dell’attivista no-vax che ha diffuso false informazioni potrebbe generare un effetto domino sui colossi del web. Ne parliamo su Prima Comunicazione. La politica per prima ha reso il mondo consapevole dell’effetto delle Fake news. In poco tempo ogni settore ha compreso di esserne, in diverso grado, vittima. I social network additati[…]

I nuovi professionisti della reputazione – intervista Il Sole 24 ore

FacebookGoogle+TwitterLinkedinOggi chi si occupa della reputazione aziendale deve saper gestire anche la comunicazione di crisi legata alle fake news. Ne parlo in questa intervista su Il Sole 24 ore. ASCOLTARE, MA POI RISPONDERE «In questa fase le competenze dei manager si stanno integrando e in qualche modo allargando alla gestione delle fake news e all’analisi[…]

Sul web la vita è in vetrina

FacebookGoogle+TwitterLinkedinOgnuno di noi possiede una propria identità digitale, così, quando cerchiamo informazioni in rete su un’altra persona e viceversa, è come se ci si desse una specie di “stretta di mano digitale”: non è detto che ciò che troviamo corrisponda necessariamente alla verità, che sia completo o esaustivo, però, inevitabilmente, guiderà le nostre percezioni. Infatti,[…]

Il falso è il nuovo vero: come affrontare le fake news?

FacebookGoogle+TwitterLinkedinCome affrontare le fake news? Con un approccio digitale, veloce, analizzando la notizia e con il lavoro di tutti gli attori, dalla polizia ai colossi del web. Il mio pezzo pubblicato su Prima Comunicazione di Novembre.   Come si riconosce un falso? In Gran Bretagna nel 2006, Robert Thwaites, un pittore non istruito e quasi cieco, è stato[…]