La doppia velocità

Le azioni del leader non spiegano del tutto il successo o la caduta. C’è un altro attore fondamentale la cui velocità può ribaltare gli esiti. Perchè oggi Greta Thunberg ottiene visibilità e ascolto planetario sui temi che Al Gore affrontava già 20 anni fa? Ne parliamo su Prima Comunicazione di ottobre. Osserviamo spesso fenomeni che emergono con forza, come ad esempio[…]

Rifarsi una reputazione non è facile: il fallimento dell’Arabia Saudita

Dopo il terribile omicidio Khashoggi, il principe Mohammed bin Salman ha puntato su una trasmissione di viaggi arruolando una schiera di influencer occidentali. Ma le pose ammiccanti in bikini tra le dune sono state un boomerang. La mia rubrica su Lettera43 Siamo abituati a operazioni di restyling dell’immagine aziendale a seguito di grandi crisi. Alcune riescono molto bene.[…]

Il lato oscuro del gradimento

Siamo abituati a ragionare in termini di consenso e sottovalutiamo un elemento fondamentale: la leadership è liquida, come dimostra il confrontoscontro tra due protagonisti. La mia rubrica su Prima Comunicazione di settembre 2019. Imperversano sondaggi, misurano chi sale, chi scende. È ormai chiaro che siamo nell’era della percezione dove la realtà oggettiva è schiacciata dai[…]

L’ultimo imperatore

La mia analisi su Prima Comunicazione di agosto 2019. Con Libra, la nuova criptovaluta di Facebook, Zuckerberg esce dai social e tenta un’azione che rivela ambizioni ben diverse. Guarda al passato, pensa al presente e vuole rivoluzionare il futuro. Libra, questo il nome scelto da Mark Zuckerberg per la sua nuova moneta virtuale, si appresta[…]

La nuova frontiera dell’intelligenza artificiale è l’etica

La sfida è far sì che le macchine non prendano decisioni discriminatorie o moralmente riprovevoli. La questione però non può essere risolta solo attraverso la tecnologia, né solo attraverso la prospettiva umanistica. È necessaria una convergenza multidisciplinare di saperi. La mia rubrica su Lettera43:   Ogni giorno, senza neanche rendercene conto, deleghiamo molte decisioni a una macchina. Pensate alla guida autonoma,[…]

Influencer Bubble

La mia analisi su Prima Comunicazione di luglio 2019. Con l’era digitale molte professioni sono sparite, molte di più ne spariranno e quasi tutte sono cambiate profondamente (basti pensare alla comunicazione, al giornalismo e alla politica). In tutto questo caos ne sono nate di nuove. L’influencer è una di queste. Nasce dal basso, persone comuni[…]

Perché il deepfake può essere una minaccia anche per la democrazia

Nato come “gioco”, il software che manipola i video rischia di creare problemi in vista delle Presidenziali Usa. Per questo si sta correndo ai ripari, ma la strada è in salita. Falsi video creati con l’intelligenza artificiale, sempre più difficili da riconoscere, che minacciano l’identità, la reputazione delle persone e la stessa democrazia. L’ultima vittima è stato Mark Zuckerberg,[…]

L’ossimoro di Zuckerberg

Il futuro è privato, annuncia l’inventore di #Facebook. Crisi etica o mercato che cambia? Di certo il social vuole potenziare i gruppi e introdurre una sua valuta. La mia analisi su Prima Comunicazione di giugno 2019. Alcune affermazioni lasciano il segno. Altre la platea attonita. Quella di Zuckerberg, durante la conferenza annuale degli sviluppatori di[…]

Come funzionano le echo chamber nei social network

Post-verità è una delle parole più usate in questi anni. Nell’era della post-verità le opinioni si fondano su ciò che è percepito come vero. La percezione, il punto di vista, è la chiave per leggere il mondo. I mistificatoricontemporanei non si limitano a confezionare notizie false. Sono molto più che semplici comunicatori, sono dei demiurghi: danno vita a dei mondi all’interno dei quali ciò[…]