oblio

Il diritto di cronaca vince sul diritto all’oblio: lo stabilisce il Garante della Privacy

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Qualche mese fa la Corte di Cassazione con la sentenza n.13161 del 24 giugno aveva stabilito la durata temporale del diritto di cronaca sul web, due anni. Dopo questo intervallo di tempo sulla pubblicazione online di notizie riguardanti un determinato soggetto, si sarebbe fatto valere il diritto all’oblio e alla privacy -cioè la possibilità di[…]

google

Copyright: UE lancia sfida a Google in difesa del diritto d’autore

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Siamo di fronte all’ennesimo capitolo della sfida tra Unione Europea e Google. Infatti dopo le accuse di posizione dominante e distorsione della concorrenza mosse al colosso statunitense, questa volta la Commissione Europea interviene per rafforzare i diritti degli editori nei confronti dei portali web, Google ovviamente in testa, annunciando di voler riformare e rendere più[…]

twitter terrorismo

Twitter sospende 235mila account legati al terrorismo: aumentano i controlli, ma basteranno a contrastare efficacemente la propaganda dell’ISIS?

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Twitter aumenta gli sforzi per contrastare il terrorismo annunciando di aver messo al bando 235mila account per violazione delle regole d’uso e di aver aumentato dell’80% all’anno le sospensioni giornaliere degli account legati alla propaganda jihadista. Per identificare questi contenuti, spiega Twitter sul proprio microblog, non è stato creato “nessun algoritmo magico”, ma si sono[…]

hacker

‪Cybersecurity: l’attacco di Ferragosto al Corriere della Sera

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Il giorno di Ferragosto è stato scelto da un gruppo di hacker albanesi dal nome AMAR^SHG per attaccare i siti del Corriere della Sera (Corriere.it) e della Gazzetta dello Sport (Gazzetta.it), che sono risultati irraggiungibili per circa tre ore. Durante questo periodo chiunque cercasse di raggiungere i siti di informazione si trovava di fronte una[…]

change org

Privacy degli utenti a rischio: Garante apre istruttoria su Change.org

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Ancora un altro capitolo legato alla tutela della privacy online. Il Garante della Privacy ha aperto un’istruttoria per verificare come vengono trattare le informazioni, inclusi i dati sensibili, di chi sottoscrive petizioni online sul famoso sito Change.org. Le indagini sono volte a verificare il corretto trattamento dei dati di chi utilizza i servizi offerti dal[…]